articoli vari eventi prima pagina

Black Friday etico: da Lush un sapone in edizione limitata per proteggere gli orangotango

Il Black friday, il venerdì nero dedicato agli sconti prima dello shopping natalizio, è una tradizione importata dagli USA (chi l’avrebbe detto!) che si è ormai diffusa in tutto il mondo e che, un po’ come Hallowen, sta prendendo piede anche qui in Italia.

Nel venerdì dopo il giorno del Ringraziamento, quest’anno il 24 novembre,  tantissimi siti di ecommerce ma anche i punti vendita tradizionali sconteranno gran parte dei prodotti presenti nel loro store.

Il blackfriday mi fa lo stesso effetto dell’All you can it: si mangia per riempirsi, con poca cura a quello che si mette nel piatto, a come è preparato, a quante risorse sono state impiegate per produrlo.

Allo stesso modo il black friday o il prime day sono iniziative volte solo a promuovere l’acquisto compulsivo, sfrenato e superfluo e ad alimentare quell’ansia da consumo che ci fa continuamente comprare cose che non ci servono e che ci mantiene in uno stato di continua insoddisfazione.

Iniziative che oltretutto sono fortemente impattanti in termini di inquinamento, risorse e sfruttamento del lavoro.

Per Natale – proprio per non cadere in nel vortice del consumo sfrenato – a me piace preparare biscotti da regalare alle amiche o qualche altro pensiero home made.

Ma quando non è possibile da sempre mi piace regalare una bomba da bagno o qualche altro prodotto di Lush.

Perciò, in questa giornata “nera”, mi ha colpito questa iniziativa a mio parere molto interessante promossa proprio da Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano.

I prodotti Lush sono colorati, divertenti, profumati, etici, vegan e cruelty free.

E sono quella coccola che non si compra quasi mai per sè stessi ma che fa così piacere ricevere!

Milano di punti vendita Lush ce ne sono diversi. Sono quei luoghi super colorati con saponi a forma di cioccolato e formaggi che però profumano di fiori e di spezie e le cui fragranze di raggiungono fin sul marciapiede.

Un negozio Lush si annuncia dal profumo diversi metri prima di incontrarlo!

In occasione di questo Black Friday, Lush  presenta la campagna #SOSsumatra.

Una campagna etica in collaborazione con Sumatran Orangutan Society (SOS), associazione attiva nel campo della tutela e della salvaguardia degli habitat e delle specie animali a Sumatra, al fine di proteggere gli orangotango e la foresta pluviale nella quale vivono.

Al centro della campagna Orangotango, un sapone in edizione limitata.

Orangotango_factory_2

Lush produrrà 14.600 saponi, pari al numero di orangotango che vivono allo stato selvatico nel loro ambiente naturale a Sumatra.

A partire da venerdì 24 novembre tutto il ricavato (esclusa l’IVA) della vendita di Orangotango, verrà devoluto all’Associazione SOS e ai suoi partner nell’isola di Sumatra, l’Orangutan Information Centre (OIC), per acquistare 50 ettari di terreno nel Bukit Mas a Sumatra e rigenerarli allo stato di foresta di origine.

La campagna #SOSsumatra si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della deforestazione e sul forte rischio di estinzione degli orangotango.

Il sapone Orangotango, al profumo di arancia e patchouli, è realizzato con una base di olio extravergine di cocco proveniente da Nia, un’isola al largo di Sumatra.

Il prezzo del sapone è €9.50.

Helen Buckland, Presidente dell’associazione SOS commenta:

“Gli orangotango che vivono allo stato selvatico sono soggetti a diverse minacce. La loro sopravvivenza dipende dalla protezione del loro habitat di origine e dalla salvaguardia della foresta. Per noi è fantastico poter riportare allo stato di foresta originaria questo terreno e poter offrire agli oranghi un posto per vivere e girovagare liberamente.”

Simon Constantine, mastro profumiere Lush e responsabile dell’Ethical Buying aggiunge:

“È stata proprio la Sumatran Orangutan Society a premurarsi e prendersi il tempo per mostrarmi, in prima persona, l’impatto che i nostri ingredienti avevano a Sumatra. Da quel momento ci siamo impegnati a cambiare radicalmente il nostro metodo di lavoro, rimuovendo, per esempio, l’olio di palma e la glicerina dalla base dei nostri saponi per provare a correggere il danno fatto. Personalmente credo che questo abbia rappresentato un vero e proprio punto di svolta: abbiamo realizzato che non era più sufficiente limitarsi a ciò che era meno peggio, ma dovevamo impegnarci al fine di creare soluzioni efficaci ai problemi che la palma e altri ingredienti possono causare. Ho incontrato un’associazione assolutamente efficace nel fornire soluzioni concrete direttamente sul territorio: solo per citare una delle tante incredibili iniziative di SOS e dei suoi partner, sono stati rigenerati più di 500 ettari di foresta pluviale su un terreno che ha visto piantagioni illegali di palma per oltre 10 anni.”

Il sapone Orangotango sarà disponibile online e in tutti i negozi Lush in Europa.

Una buona idea per un regalino di Natale.

Se comprate, comprate responsabilmente.

www.orangutans-sos.org

Orangotango_sapone_3

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply