articoli vari corsa prima pagina recensioni

Meraki di 361, la sorpresa di fine anno!

Prima che mi contattassero per provare le loro scarpe da running non conoscevo il brand 361 e non avevo ancora mai visto nessun podista con le 361 ai piedi.

Così mi sono informata e ho scoperto che di fatto si tratta di un brand nuovissimo, approdato in Italia solo 1 anno fa.

Un brand cinese, sissignori, nato nel 2003, che in patria rappresenta il secondo marchio sportivo ed è in grado di competere con i big brand del mercato mondiale.

Dall’alto delle mie incredibili competenze tecniche la prima cosa che posso dirvi è che ciò che mi ha colpito immediatamente di queste calzature è l’estetica! Io le trovo davvero bellissime e originali, per forma, colori e grafica.

Notevole anche l’abbigliamento, tecnico, confortevole durante la corsa e con grafiche e colori super fashion, che non guasta mai.

Ma torniamo alle scarpe.  Dopo la 361° Sensation – che non ho ancora provato ma di cui vi farò sapere – il modello di punta di questa stagione è la nuovissima Meraki.

La Meraki si presenta come una scarpa leggera e veloce per corridori neutri.

Sulla carta la mia scarpa ideale insomma.

Ho avuto modo di provarla con calma e di correrci molti chilometri, nonostante non sia in perfetta forma e in questi mesi non abbia potuto fare lavori specifici.

La scarpa ha una forma liscia e snella che assicura il piede per una corsa estremamente reattiva, ma sicura.

L’interno della calzata è avvolto da una gabbia per mantenere fermo il piede ed il tallone ha un’ottima e confortevole protezione rigida.

Protezione e sostegno sì, ma niente cuscini che avvolgono il piede, niente bambagia sotto la pianta del piede. La sensazione è di sentire l’asfalto che ti scorre sotto i piedi, come piace a me.

Ti senti più veloce e a totale contatto con il terreno, dal tallone alla punta.

Il comfort è garantito da una piattaforma QU!K FOAM per tutta lunghezza della scarpa.  Il sistema a più strati sotto i piedi rende la scarpa morbida e confortevole ma molto stabile e, come dicevo, sensibile.

Qu!ckFlex è la suola progettata per supportare il naturale movimento del piede rendendolo più naturale e bilanciato, migliora l’appoggio al terreno aumentando la trazione e l’accelerazione.

Per compensare con la leggerezza della suola all’interno della scarpa è stata inserita una placca in fibra di carbonio che permette di controllare la torsione ed aumentare la stabilità.

La struttura della tomaia interna ed esterna che avvolge il piede riduce i movimenti non necessari, rendendo così la corsa più stabile.

Il punto di forza di 361 è la reattività e la durata della scarpa che mantiene comfort e reattività anche dopo diversi chilometri macinati.

Con la Meraki queste caratteristiche sono state mantenute ma in una scarpa più leggera – 290 grammi – aumentando la risposta e migliorando ancora la lunga durata delle suole.

Una scarpa neutra pensata per farti sentire più veloce e devo dire che basta una corsa per rendersene subito conto.

Con le Meraki ho corso le mie uniche 2 gare di stagione: l’Alpin Cup del Parco Nord e la Milano21, sempre 10 km.

Due gare in cui finalmente, dopo mesi di agonia, tra fermi forzati e lentissima ripresa, mi è sembrato quasi di volare, con un ritmo costante finalmente sotto i 5′ al km.

Ai piedi le mie nuovissime Meraki da provare. E la bellissima sensazione che potrò ricominciare ad andare veloce.

Nel mio caso la Meraki ha mantenuto la promessa consentendomi una prestazione davvero al di là delle mie aspettative.

L’anno nuovo è in arrivo e con lui nuovi obiettivi e nuove tabelle.

E io mi auguro di sfruttare finalmente tutto il potenziale delle mie Meraki ricominciando con variazioni e lavori in pista, che queste scarpe sono fatte per le ripetute!

E’ davvero un peccato usarle per corsette lente come le mie di questi ultimi periodi.

E quanto io senta la mancanza delle ripetute – chi l’avrebbe mai detto – non lo potete neanche immaginare!!!

Assolutamente da provare.

Acquistabili cliccando qui.

#meraki

#beyondexpectations

 

 

 

 

 

 

 

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply