alimentazione articoli vari corsa prima pagina ricette

Reni e runners: che la forza (degli azuki) sia con voi!

Le feste sono finite e siamo tutti preoccupati dei chili in più che ci hanno lasciato addosso. Così di solito nei primi giorni dell’anno si cerca di correre ai ripari con diete detox e dimagranti.

Ma il periodo delle feste natalizie può essere particolarmente debilitante anche per i reni.

Eccesso di grassi e di zuccheri combinato al freddo di questo periodo sono fattori che possono indebolire i reni, sede della nostra energia vitale, vere e proprie batterie del nostro organismo.

L’affaticamento dei reni porta come conseguenza a un abbassamento delle nostre difese immunitarie. Anche per questo l’influenza spesso ci colpisce durante o subito dopo le feste! Le nostre difese sono troppo basse per contrastare virus e batteri.

In generale quando l’energia dei reni è forte ci sentiamo energici e pieni di voglia di fare, mentre quando le batterie sono giù di tono ci sentiamo deboli e stanchi.

Il meridiano dei reni corre dietro le gambe iniziando dalla pianta del piede. L’energia che sale attraverso questo meridiano ci conferisce la voglia di andare avanti nella vita e di camminare.

Se la forza nelle gambe è scarsa, vuol dire che il meridiano è scarico.

Gonfiori alle caviglie e dolori alle ginocchia normalmente sono un segnale.

Capito runners? L’energia dei reni governa le gambe e dobbiamo tenerla alta se vogliamo avere prestazioni sempre al top.

Per restituire forza e vigore ai reni è bene evitare di consumare troppi cibi che raffreddano e indeboliscono (insalate, frutta cruda, olio crudo, prodotti tropicali, caffè), evitare troppi zuccheri, grassi e latticini e infine non bere troppi liquidi.

In inverno, e soprattutto se seguiamo una dieta vegetale, non è necessario bere molto. O comunque non più del necessario, altrimenti costringeremo i reni a un super lavoro che li affaticherà.

La seconda eresia che sto per dire è che anche la piscina andrebbe evitata in inverno, così come i lunghi bagni caldi, perchè passare troppo tempo in acqua affatica i reni, e l’ambiente estremamente yin (freddo e umido) della piscina ci raffredda e ci indebolisce.

E’ importante coprirsi bene, soprattutto tenendo al caldo la zona lombare e i piedi.

Se soffriamo particolarmente il freddo possiamo uscire a correre con una panciera ad esempio, evitando – se possibile  – le prime ore del mattino. L’energia dei reni è al suo massimo tra le 17 e le 19 quindi meglio gli allenamenti serali in questo periodo di grande freddo. Se non corriamo, cerchiamo comunque di camminare e usare le gambe il più possibile per stimolare il meridiano dei reni.

Aiutiamoci consumando cibi che riscaldano e rinvigoriscono, come i legumi (soprattutto i fagioli), il gomasio, il sale marino, la salsa shoyu, il miso, le alghe.

Fagioli azuki e alga kombu in particolare sono legati all’Energia Acqua, a sua volta legata all’inverno, ai colori scuri, al sapore salato, alla vescica e ai reni. 

I fagioli azuki hanno essi stessi forma di reni e sono il principale alimento che abbiamo a disposizione per nutrirli e rinvigorirli.

Inoltre i fagioli azuki sono super proteici e ricchi di calcio, ferro e vitamine del gruppo B.

Ecco una ricetta da consumarsi al bisogno – se ci sentiamo affaticati e stanchi – anche tutti giorni e ad ogni pasto, in piccole quantità (circa 1/3 o 1/2 tazza a pasto)

STUFATO DI AZUKI PER LA FORZA VITALE

1 tazza di azuki

2 tazza di acqua

1/2 cipolla

1 carota

1 pezzetto di alga kombu

salsa shoyu o tamari

prezzemolo o rosmarino

Mettete gli azuki in ammollo per almeno 6 ore.

Poi cuoceteli per circa 40 minuti nella stessa acqua aggiungendo la carota a pezzetti, la cipolla affettata sottilmente e l’alga kombu. A fine cottura dovranno essere molto morbidi!

Serviteli conditi con un cucchiaino di salsa shoyu o tamari e del premezzolo o rosmarino tritato.

Potete acquistare fagioli azuki e alga kombu nei negozi di alimentari bio oppure on line.

 

Alga kombu in fogli

Alga kombu in scaglie

Fagioli Azuki

Fagioli Azuki Okkaido

 


 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply