alimentazione prima pagina

Spremute di agrumi a colazione? Sì, no, forse, dipende!

Spremute di agrumi a colazione? No, grazie!

Ma come?! Stiamo calmi e cominciamo dal principio.

Le arance sono ricche di vitamina C! Vero.

E il limone ha effetto alcalinizzante! Vero.

Ma questa volta le vitamine non c’entrano. E’ tutta una questione di yin e yang. Ovvero di energia del cibo.

Classificare i cibi, ma anche gli umori, gli ambienti, le malattie, secondo il criterio di yin e yang è lo strumento che la macrobiotica ci offre per capire quali sono cibi i più adatti a noi in base ai loro effetti espansivi/rinfrescanti o contraenti/riscaldanti e sceglierli al di là delle conoscenze nutrizionali che abbiamo su di essi.

Tutto ciò che mangiamo ha effetti diversi, energie diverse ed è importante riconoscerli per capire gli alimenti e come usarli a beneficio della nostra la salute.

Non è semplice per la nostra mentalità occidentale afferrare a pieno questi concetti tipicamente orientali.

Quello che la nostra mentalità ci porta a fare è una classificazione rigida, tirare una riga e fare 2 belle colonne: cibi che fanno bene e cibi che fanno male. Ma non è così semplice.

Per approfondire vi rimando a questo mio articolo: Cos’è la macrobiotica.

Ma vediamo nello specifico il caso degli agrumi.

La maggior parte di noi, soprattutto tra gli sportivi, è ormai abituato a bere appena sveglio un bel bicchierone di acqua e succo di limone, tutte le mattine per tutto l’anno. E le spremute di arancia, si sa, tengono lontano il raffreddore…

Ma l’energia estremamente yin degli agrumi, ovvero raffreddante ed espansiva, non ci mette in armonia con l’ambiente esterno invernale: se fuori fa freddo, dentro ci serve calore!

Che non vuol dire cibo caldo (non solo) ma cibo che abbia un’energia che riscaldi.

Se introduciamo cibi come gli agrumi, con un’energia estremamente raffreddante (yin), a lungo andare ci possiamo indebolire e per assurdo predisporci a malanni da eccesso di yin come il raffreddore!

SOPRATTUTTO SE LI MANGIAMO TUTTI I GIORNI.

Mangiare sempre, ogni giorno dell’anno, gli stessi alimenti non è mai buona abitudine. E’ proprio la quantità della ripetizione a produrre effetti sull’organismo. Quindi se la spremuta ci piace non ci ammaleremo di certo se ne beviamo una ogni tanto, ma ci saranno più probabilità se la beviamo ogni giorno.

SOPRATTUTTO SE LI MANGIAMO DI MATTINA.

Ma come?! Non si diceva che l’arancio di mattina è oro?

Il fatto è che la mattina è il momento più yin della giornata e lo stomaco l’organo più yin del corpo!

Perciò di mattina il nostro organismo avrebbe bisogno di soprattutto di yang – quindi frutta cotta o alimenti salati – e non dello yin estremo della frutta cruda, degli agrumi e dei frutti tropicali. Per non parlare di zucchero e latticini…

SOPRATTUTTO SE SIAMO VEGETARIANI O VEGANI.

Se siete grandi consumatori di carni, salumi e formaggi stagionati – alimenti estremamente yang che creano molto calore – allora il succo d’arancia potrebbe farvi bene anche d’inverno se non altro per compenszione.

Magari potreste avere problemi di ipertensione e colesterolo, nonchè problematiche legate a contrazione del pancreas, ma questa è un’altra storia…

Invece se siete vegani la vostra alimentazione è per sua natura più yin. Perciò lo yin estremo di certi alimenti, come gli agrumi appunto e la frutta cruda in genere, avrà un effetto potenziato su di voi. Soprattutto se tendete a soffrire il freddo o magari avete problemi di colite, allora meglio evitare del tutto la spremuta d’arancia in inverno perchè probabilmente vi farà male.

SOPRATTUTTO SE ABBIAMO RAFFREDDORE, TOSSE, CONGIUNTIVITI, PROBLEMI DI PELLE, COLITE, ASMA.

Queste problematiche hanno quasi tutte origine nell’eccesso di yin, quindi è bene evitare alimenti che lo nutrano.

MA ALLORA GLI AGRUMI FANNO MALE?!

Come sempre la domanda corretta da farsi è: gli agrumi cosa fanno?

Quali effetti producono su di me?

Come abbiamo visto l’effetto degli agrumi può non farci bene. Ma dipende.

Dipende da dove vivo, dipende dalla mia condizione, dipende dalla mia natura.

Se vivo in Sicilia – dove infatti maturano e crescono e le arance! – il succo d’arancia potrebbe farmi bene.

Se invece vivo a Milano, a febbraio, potrebbe non farmi così bene perché abito in un territorio che ha un clima più freddo e il mio corpo ha più bisogno di calore e quindi di alimenti con un’energia che mi aiuti ad introdurlo.

Io sono vegana ma soffro sempre molto caldo, anche in inverno. Vuol dire che nel mio corpo ho comunque un bel po’ di yang in eccesso, quindi il mio rapporto con i cibi yin è diverso da quello che può avere un vegano che ha sempre freddo.

Pensate che il succo d’arancia o di mandarino è uno dei rimedi macrobiotici per abbassare la febbre in virtù del suo effetto raffreddante.

Quindi insomma, non si tratta di demonizzare o di mettere la croce sopra alle spremute.

Parlo soprattutto delle arance perchè il limone è meno problematico.

Ma è importante conoscersi e capire che effetto hanno gli alimenti su di noi. E quindi sceglierli consapevolmente.

E per fare il pieno di vitamina C in questa stagione una buona zuppa di cavoli e broccoli con un po’ di premezzolo è perfetta!

E la mattina appena svegli un bel bicchierone di sola acqua tiepida, rimedio ayurvedico, che stimola l’intestino e immette l’elemento Fuoco nell’organismo 😉

Michela


Michela Montagner
Terapista alimentare
Corsi di cucina anche a domicilio
Mail: [email protected]

L’energia della mia cucina e della mia casa è completamente sostenibile, grazie a LifeGate.
Per rendere la tua casa 100% sostenibile puoi scegliere energia da fonti rinnovabili e prodotta in Italia. È un gesto concreto per uno stile di vita che rispetti uomo e ambiente.
Segui questo link per attivarla da solo on line e avere 1 mese di fornitura GRATIS!

 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Alice
    17 Febbraio 2019 at 13:11

    Ciao Michela,articolo come sempre molto interessante!
    Avrei una domanda:parli di frutta cotta,zuppe,…ma la cottura non altera le proprietà dei cibi?Io cerco di mangiare più crudo possibile (vegan),quando mi ritrovo davanti a verdura cotta penso che sia “svuotata” di ogni principio nutritivo…
    Grazie!

    • Reply
      lamichi
      18 Febbraio 2019 at 15:41

      Ciao alice. Secondo la macrobiotica la cottura ha il potere di modificare l’energia del cibo. e i vari metodi di cottura sono utili a seconda della nostra condizione e della stagione. da un punto di vista nutrizionale è vero che la cottura “altera” in qualche modo le proprietà di un alimento, ma non per forza lo “svuota” delle sue caratteristiche nutrizionali. Se sei vegan io ti consiglio di non mangiare troppo crudo nella stagione fredda

    Leave a Reply