articoli vari corsa prima pagina recensioni

Floatride Run FlexWave e PureMove bra: la rivoluzione di Reebok

Lo so, sono una pessima sport blogger.

Non riesco mai a rispettare i tempi giusti di lancio dei prodotti che testo.

Infatti non sono una sport blogger, sono una podista. E corro tanto.

Così, anche se arrivo sempre per ultima (nelle recensioni!), posso sempre dire che con le scarpe per lo meno ci ho corso un bel po’.

Tutto questo perchè vorrei parlarvi delle Reebok Floatride Run FlexWave che ho testato la prima volta in occasione del Reebok Running Summit di Reebok in settembre.

Ci siamo trovati a Monza, in una giornata di sole, con un vento forte e gelido che pensavamo avrebbe spazzato via quel caldo torrido che ancora non mollava la presa a settembre inoltrato. E invece non sapevamo che ci attendeva un autunno anomalo e caldo.

floatride

La Reebok FloatRide è stata lanciata già nel 2017, presentando l’innovativa tecnologia FloatRide.

E aveva segnato il rientro trionfale nell’universo running di Reebok, da sempre un marchio leader e  inevitabilmente associato al mondo del Fitness e del Cross Fit.

Con la nuova edizione presentata per questo autunno inverno 2018/19 ritroviamo la tecnologia floatride, caratteristica di punta della collezione di Reebok per il running.

Per intenderci. Quando la NASA ha chiesto uno stivaletto estremamente leggero, idoneo alle missioni spaziali Reebok ha sviluppato la speciale mescola Floatride, più leggera del 50% delle tradizionali mescole in EVA.

Una tecnologia di ammortizzazione più leggera e reattiva, che promette di farti “galleggiare”, proprio come nello spazio.

In cosa si differenzia quindi il modello Flexwave dal precedente?
Sostanzialmente nella TOMAIA.

floatride

Una trama composta da un intreccio di filati a forma di 8, in grado di offrire traspirabilità, flessibilità e resistenza.

Come nella scarpa precedente ci troviamo con una calzatura leggerissima fatta di una maglia elastica del tutto priva di cuciture che avvolge il piede quasi come un calzino. A dare supporto una gabbia in plastica che sostiene i fianchi del mesopiede e garantisce stabilità.

Io amo le scarpe leggere e morbide, ma qui la sensazione è particolarissima. Appena calzate a me hanno dato quasi fastidio.

Sembra quasi di non avere la scarpa, mentre si percepisce molto la presenza della “gabbia”. La senti. Non è fastidiosa, ma è presente.

Questione di abitudine, perchè poi questa sensazione passa e quello che rimane è solo il comfort, la leggerezza e la reattività.

Si tratta in definitiva di scarpe molto leggere, comode, ammortizzanti e reattive, adatte a tutti, salvo particolari problemi di peso o di postura.

Non è necessario essere veloci e leggeri, ma se lo siete, vi daranno grandi soddisfazioni 😉

In questi mesi ho provato anche il nuovo Bra lanciato di Reebok, Pure Move.

Ho sempre pensato che per una donna il reggiseno fosse importante tanto quanto le scarpe per praticare sport in sicurezza e serenità.

E avevo ragione. Sembra incredibile ma una donna su cinque evita di fare attività fisica perché si sente a disagio a causa del proprio seno.

Il 50% delle donne che fa sport dichiara di soffrire di dolori al seno quando si allena e il 70% di loro indossa un reggiseno della taglia sbagliata.

Quindi è fondamentale sceglierlo bene.

Il PureMove è davvero speciale e differente da ogni altro bra abbia provato fino ad oggi, per la vestibilità e il tessuto.

Niente ganci, clip, ferretti, spalline regolabili e cuciture. E soprattutto niente segni a fine allenamento!

Davvero una “seconda pelle”, grazie anche agli orli tagliati a vivo, lo indossi e ti dimentichi di averlo.

Il PureMove è stato realizzato sfruttando gli ultimi ritrovati della scienza dei materiali e utilizzando una rivoluzionaria tecnologia tessile,  per arrivare  all’innovativo tessuto Motion Sense, tecnico, leggero e traspirante. Particolarissimo al tatto, quasi impalpabile.

Traforato con aree traspiranti davanti e dietro, è in grado di espellere il sudore nella zona localizzata tra i seni (non so voi, ma io lì sudo sempre tantissimo) e garantisce una piacevole sensazione di freschezza e di comodità anche durante l’attività fisica più intensa.

Questo materiale reagisce e si adatta alla forma del corpo, alla velocità dei tessuti del seno, alla tipologia e alla forza del movimento.

Il risultato finale è un bra capace di ridurre l’elasticità durante i movimenti ad alta intensità, offrendo al tempo stesso il comfort di un sostegno leggero nelle fasi di riposo e di esercizio di minore intensità.

Ma la vera rivoluzione, secondo me, è che Reebok con PureMove ha capito anche che non ha più senso parlare di taglie standard, almeno quando si tratta di bra.

Ha pensato quindi a ben 10  taglie di mezzo, per offrire la migliore vestibilità possibile a tutte, per chi è piccolina come me o per le donne con un seno importante.

Impossibile non trovare la propria!

Per me mai più senza.

#bemorehuman

#RedefiningSupport

 

 

 

 

 

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply